/it/conselho/761/dodireitocan-nico-china
Congregação das Irmãs de São José de Chambéry | NOTIZIE

Choose your language:


  • NOTIZIE

    18 de Jan, 2020

    Dal diritto canonico alla Cina


     Un’altra giornata all’insegna di diversi argomenti.. La mattinata è iniziata con la presentazione di Mary Wright, IBVM, avvocato canonico, la quale ha parlato della situazione patrimoniale della congregazione e delle responsabilità inerenti. Parlando del voto di povertà, l’avvocato ha messo a fuoco il fatto che il voto non riguarda il denaro, ma il potere e il controllo. Ha quindi risposto a numerose domande poste dall\assemblea su varie questioni tra cui quella dell\esclaustrazione.

    La giornata è proseguita con il Consiglio Generale di Pinerolo, il quale ha raccontato del processo di fusion intrapreso con la congregazione di Chambery. Negli ultimi 2 anni le due congregazioni hanno avviato un cammino di conoscenza reciproca: i consigli generali si sono incontrati sia virtualmente che faccia a faccia; le sorelle di Pinerolo hanno partecipato alle assemblea della Provincia italiana e ad altri incontri; il Consiglio della Provincia italiana ha trascorso del tempo a Pinerolo. Tutte riconoscono in questo processo l’opera dello Spirito.

    Dopo PInerolo, siamo state portate in Cina. S. Ayli, la superiora generale delle suore di San Giuseppe di Handan, è stata con noi per la prima settimana. Ha spiegato la situazione delle suore e della loro congregazione, che fa parte della chiesa sotterranea, e in questo momento non può riunirsi o avere un volto pubblico. Ha risposto a molte domande, dalla formazione al sostegno finanziario. Più di una volta ha ribadito la gioia provata dalle suore per la visita di suor Sally e suor Ieda, le quali hanno ispirato e rafforzato il loro desiderio di diventare un tutt\uno con la congregazione di Chambery. Continuiamo a lavorare insieme per vedere dove conduce lo Spirito.

    Galeria de Imagens:




    Invia il tuo commento!




    Condividi questa notizia:

    I campi compilati con sono obbligatori